:::NEWS::: ~ Compleanno per Cora e L'amore ferisce ~ :::NEWS:::

sabato 18 dicembre 2010

Buoni propositi

I buoni propositi sono quelli che cerchiamo di fare quando, al termine di un anno intenso/statico/soddisfacente/inconcludente, ci affacciamo a grandi passi verso le festività natalizie e, soprattutto, verso il nuovo anno in arrivo. Quattro definizioni stanno bene per quello che è il mio 2010 ormai agli sgoccioli. Un anno andato bene sotto certi aspetti, ma che poteva andare meglio. 
Un anno che si è rivelato sterile, ma nemmeno troppo. 
Più o meno come le stagioni; ognuna diversificata in modo differente, ognuna con le proprie peculiarità e caratteristiche determinanti. Alcuni sono i punti fermi che, alle soglie del natale come un bel pacco regalo da scartare, sto riconsiderando per il prossimo futuro. 

Devo potenziare il mio portfolio lavori, cosa a cui mi sto impegnando da diverse settimane, devo potenziare il parco clienti, e quindi dedicare maggior tempo alla ricerca e al contatto diretto. 
Ma devo anche stringere i tempi per il nuovo libro, operazione questa comunque in cantiere attivo da qualche mese. Un libro diverso, che sotto certi aspetti spiazzerà chi ha acquistato e letto “Fiori nella neve”, ma che rappresenterà una sorta di ambizioso nuovo tuffo dentro il mondo dell’editoria. 
Il materiale è a buon punto, tra poco potrò dedicarmi alla impaginazione, che sto pensando originale e curiosa, e alle immagini relative alla cover. Per quest’ultimo punto non ho ancora una idea precisa, ma soltanto delle bozze mentali (e tra poco sarà il caso che mi metta a lavorare sulle bozze “fisiche”). 
A conti fatti, insomma, i progetti ci sono. Non necessariamente nell’ordine in cui li ho impostati, ma queste sono le tracce che concretizzerò da qui all’inizio del prossimo anno. 
I buoni propositi servono sempre, spronano a fare meglio, spingono a darsi delle direttive e dei tempi da rispettare. Perchè senza dei tempi precisi non si raggiunge nessun obiettivo e, per quanti “buoni propositi” si possano avere, le mete risultano delle chimere irraggiungibili progressivamente più lontane. Dopotutto la vita è un meraviglioso cantiere sempre in movimento.


2 commenti:

LUIGI BICCO ha detto...

Alberto. Anch'io sono al lavoro sulla "messa a punto" del mio portfolio. E credo che con queste vacanze natalizie, darò l'ultimo giro di vite alla cosa. Bisogna approfittarne appena si vede uno spiraglio :)
Dare un giro di vite al mio parco clienti, invece, in questo momento è pura utopia.

Un augurio a tutti i tuoi buoni propositi, allora. E uno in particolare per il tuo libro che, presumo, pretenda più di qualche attenzione. Speriamo, come al solito, nell'anno nuovo. Che poi un anno nuovo può cominciare anche a febbraio, per dire :)

Alberto Camerra ha detto...

Sfortunatamente, Luigi, le cose meno facili sono quelle più necessarie. Come, per l'appunto, cercare di raccogliere nuovi clienti; prima di tutto "la sopravvivenza della specie".
Il portfolio è lì, pronto ad essere giostrato e incrementato; e tra i buoni propositi ho scordato di aggiungere un restyling, quanto necessario e conseguente, al sito.

Grazie per gli auguri a questi "buoni propositi" dunque.
Sperando che anche il prossimo libro possa presto trovar compimento.
Concordo su un anno che inizia... a febbraio!
:)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...