:::NEWS::: ~ Novità! La seconda edizione di Esdy ~ :::NEWS:::

mercoledì 4 dicembre 2013

Esdy


eBook  |  Edizioni StreetLib
ISBN 9788826497532  |  Prezzo € 2,99
Prima edizione in eBook 2013
Seconda edizione in eBook 2017 
Acquisto su Amazon Kindle Store  |  lista negozi pagina Dove acquistare

Esdy è un titolo pubblicato sotto l'etichetta blook. Il termine “blook”, come cita l’insostituibile wikipedia, “è un neologismo internazionale, formato per sincrasi dei termini inglesi blog e book ("libro"), usato per definire dei libri basati su materiale precedentemente pubblicato su un weblog.”

giovedì 7 novembre 2013

Negozio

Le mie pubblicazioni sbarcano in negozio! Non si tratta di una libreria, dove ti ricordo puoi comunque acquistare i titoli tramite ordinazione come indicato qui, bensì di uno spazio virtuale legato al merchandising: grazie alla collaborazione con il noto marchio Spreadshirt ho aperto acidea shop.
Un punto vendita on line che presenta una linea di prodotti legata ai miei titoli editoriali. Gli articoli sono i più variegati e sopra ognuno di essi troverai il design originale della copertina o delle raffigurazioni grafiche da essa tratte. Punta di diamante del primo segmento è Al & Bo – la costola di Adama uscito in brossura per l'editore Boopen nel 2011 e in edizione eBook con Narcissus nel 2013.  La coppia protagonista del libro infatti, per merito del tratto particolarmente cartoonistico, si presta perfettamente a comparire su un’oggettistica complementare alla carta stampata o al supporto digitale.

venerdì 4 ottobre 2013

Licenza di Leggere

Non c'è da stare immobili seduti lì a guardare. E forse proprio questo che me la fa preferire: è che con la radio non si smette di pensare.Eugenio Finardi lo canta da anni ed è uno dei suoi cavalli di battaglia di sempre, questa La radio. Il cantautore milanese lo ha capito già nel 1976, anno di uscita del suo secondo long playing (prima degli mp3 e prima dei CD) ed il brano citato e contenuto in quel lavoro; inizialmente jingle di Radio Popolare divenne, in breve, un vero e proprio simbolo di tutte le radio libere. La radio è un mezzo versatile e potente; ti permette di fare molte altre attività, lavorative o di studio, diventando un sottofondo sonoro in grado di accompagnarti per gran parte della giornata.  

giovedì 5 settembre 2013

Cora bacia tutti

Possiamo girarci intorno quanto vuoi ma, parlando di libri, esiste una categoria specifica, forse persino più di ogni altra, che ha un forte appeal sui lettori; la letteratura erotica. Il problema semmai sorge quando cominciamo a tentare dei distinguo tra i due sotto generi che la compongono; erotismo e pornografia. L’eros dovrebbe definire la conoscenza e la passione - senza per questo alludere all’atto sessuale vero e proprio -, mentre la pornografia dovrebbe descrivere (mostrare) la meccanica del sesso. Messa così parrebbe un divisorio semplice e fattibile, racchiuso dentro dei funzionali compartimenti stagni in cui ogni specifico argomento viene trattato con la giusta misura. Non è così. Scrivere è una delle arti più affascinanti (almeno per me) esistenti e, al tempo stesso, una delle più complicate. 

lunedì 5 agosto 2013

Scrivo dalla sedia a sdraio

Qualche anno fa ho iniziato a inviare fotografie in cui ero ritratto in una sdraio, sulla spiaggia, a occhi chiusi, mentre mi crogiolavo al sole. Le avevo fatte stampare su cartoline postali, con la dicitura: - Questo sono io mentre lavoro -. 
Era un messaggio ironico, naturalmente, ma in realtà è il modo in cui uno scrittore effettua una parte del suo lavoro più importante”. Lo stralcio virgolettato qui sopra non è farina del mio sacco, è tratto da “A volte la magia funziona”, una sorta di manuale biografico scritto da Terry Brooks. Se mi segui da tempo, in rete o fuori dalla stessa, conosci il mio particolare rapporto con l’autore statunitense nato a Sterling sotto il mio stesso segno zodiacale (i maligni potranno dire che è la sola cosa ad accomunarmi a lui). 

martedì 9 luglio 2013

Trailer? No, BookTrailer!

Il libro nel nuovo millennio sta attraversando un periodo di particolare fermento e ogni forma di condivisione conosciuta viene ad esso più o meno associata. Esiste un canale di trasmissione che ha sempre avuto un occhio di riguardo nei confronti del libro – e viceversa - ; il cinema. È impossibile stabilire la quantità di films tratti da qualche opera letteraria, proprio per la vastità numerica che questo comporta. In un certo senso il cinema nutre un debito perenne e crescente nei confronti del libro. Come fare per estinguerne almeno una piccola parte? l’idea prende piede nel 1994 grazie ad una brillante intuizione di Judith Keenan che realizzò il primo vero BookTrailer, della durata di pochi minuti, basato sul thriller Amnesia scritto da Douglas Cooper.  

martedì 4 giugno 2013

Diavolo di un eBook

L’elettronica è oggi elemento sempre più consolidato nel nostro quotidiano: i computers ed internet; presenti nella maggioranza delle case, i telefonini; che han raggiunto diffusioni da capogiro. Probabilmente soltanto chi comincia ad avere le tempie grigie rammenta di come i dischi incisi sopra un vinile fossero un tempo i veri leader della trasmissione musicale, oggi in dura competizione - e in netto svantaggio - con i compact disc (a loro volta ormai schiacciati dai files mp3). È il progresso? si, ma non soltanto; è la ricerca di nuovi e migliori strumenti di comunicazione. Potevano i libri rimanere esenti da questo processo? probabilmente il futuro che attende il libro di carta è similare a quello relativo ai dischi in vinile (accantonati, inizialmente, ed oggi rispolverati e  in discreta produzione), o forse diverso; difficile possa venire soppiantato dall’eBook, il suo corrispettivo elettronico. 

venerdì 10 maggio 2013

Donna. Un atto d’amore

Non mi riesce di capire come sia possibile fare del male a una donna. Ci sono donne che vengono picchiate dal mattino alla sera; ma non denunciano la violenza che subiscono per una sorta di amore incondizionato e maledetto nei confronti di chi le colpisce. Donne sfruttate come mero organo passivo, per la loro capacità di maternità.
Donne perseguitate per il desiderio di una libertà perduta. Donne uccise perchè hanno commesso l’errore di non affidarsi all’istinto ed han seguito la sola strada del cuore. L’uomo che compie qualsivoglia atto di violenza nei confronti di una donna non ha alcun diritto a definirsi tale. Non ha alcun diritto a imporsi con la forza; tuttavia sceglie questo percorso per paura

lunedì 8 aprile 2013

A Marostica in coppia

Quando il cielo è velato da una lieve presenza di nubi, quando il sole non riesce a fare breccia abbagliando con i suoi raggi, è il momento migliore per scattare delle fotografie. Ho trovato Marostica così; splendida nella sua indole di cittadina portabandiera di cultura ed eventi. Con Paola Bordignon, l’intraprendente e brillante libraia conosciuta sul finire dello scorso anno, avevo posto le basi per realizzare un incontro presso la sua accogliente e caratteristica libreria: una serata dedicata alla presentazione al pubblico della mia coppia di titoli pubblicati; Fiori nella Neve ed Al & Bo - la costola di Adama. Paola non soltanto ha mantenuto la sua parola, ma ha anche saputo mettermi a disposizione un luogo perfetto sfruttando lo spazio disponibile del suo locale. 

venerdì 8 marzo 2013

Con gli occhi di un Clown

L’ironia è la chiave di volta per interpretare, con intelligenza e sottigliezza, il mondo che ci circonda. 
E probabilmente il simbolo dell’ironia, nell’immaginario collettivo, è il clown. Il più celebre tra queste figure rappresentative è sicuramente Charlot, personaggio ideato da un’intuizione di Charlie Chaplin. Lo scopo era di mettere in scena un comico in grado di esprimere concetti, umanità, romanticismo e arguzia con pochi dialoghi e studiati gesti. Dagli occhi di questo clown di strada filtrava la variegata civiltà del tempo. A lui e ad altri grandi del passato, come il nostrano Totò, mi sono ispirato all’epoca in cui diedi vita al mio Clown. In una serie di racconti autoconclusivi della lunghezza di una singola cartella editoriale sopra il foglio elettronico.

giovedì 7 febbraio 2013

Una ragazza chiamata Piper

Le storie nascono nei modi più disparati. A volte basta un sapore, mentre si è a pranzo. A volte un dettaglio, una parola. I meccanismi che mettono in moto la fantasia e il desiderio di tradurla sulla carta, o sopra un foglio elettronico, difficilmente sono sempre gli stessi. Quando smisi di postare on line le puntate del mio primo romanzo, per svilupparlo con la destinazione finale della pubblicazione, mi ritrovai con la forzata scelta di sostituirlo con qualcosa di differente. In quel periodo ero un accanito fan di “Alias”, coinvolgente serial televisivo di J. J. Abrams ambientato nel mondo delle spie. E mi capitò, in tarda serata, di vedere il film “L'altra metà dell'amore”; conobbi allora Piper Perabo, la protagonista, e ne rimasi irrimediabilmente folgorato. Piper è bella, molto, ma ha un genere di bellezza che non si fonda su curve facilmente vincenti.

venerdì 4 gennaio 2013

Moreno Burattini: un vulcanologo paroliere

Le parole sono una delle risorse più incredibili e potenti di cui dispone l’uomo. Con le parole si scrivono trattati di pace e di guerra, si sanciscono matrimoni e divorzi, si condannano e liberano intere civiltà. Sono incontenibile eruzione dell’intelletto. Quando penso a Moreno Burattini mi viene naturale inquadrarlo come un vulcanologo che si muove tra le parole con disinvoltura e destrezza. Moreno con le parole ci vive; da vorace lettore prima e da tessitore di trame poi. Pubblica la sua prima storia per la Sergio Bonelli Editore nel 1991 e diventa responsabile unendosi indissolubilmente, nell’ultimo ventennio, al rilancio dell’evergreen di casa Bonelli; Zagor (personaggio a cui sono particolarmente legato dall’infanzia, come ho già scritto in altra occasione qui). 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...