:::NEWS::: ~ (Work in progress) Scegli Il tuo libro del 2019 con il 15% di sconto QUI! ~ :::NEWS:::

martedì 23 luglio 2019

Giano bifronte e il piano B

Se son rose fioriranno, se son spine pungeranno, cita un antico adagio spesso rammentato soltanto nella sua prima metà, in piena noncuranza della parte relativa alle spine. Quando valutiamo le possibilità di successo di un libro è inevitabile adoperarsi per aiutare il fattore della buona sorte, ma da quest’ultima dipendono, bene o male, tutti i lavori creativi: non esiste un’attività imprenditoriale, di qualsivoglia genere, che aspira all’affermazione popolare, capace di eludere la componente della fortuna.
Ma le spine ci sono: spuntano sotto ogni bocciolo e ne adornano lo stelo. A differenza di altri progetti, un libro non ha quasi mai una data di scadenza. I grandi classici adottati dalle scuole sono manoscritti che, appena pubblicati, erano letti da una manciata di persone e, privi dell’attuale rete, potevano contare su uno stentato passaparola. Molti scrittori ignoravano il piano B.


Cartello direzionale A e B © Tutti i diritti riservati.

Scrivere oltre la propria identità
Su questo spazio ho pubblicato con regolare periodicità gli aggiornamenti della mia attività sino all’inizio del 2019. Poi, come del resto ho anticipato tra le righe, la pubblicazione è diventata saltuaria. Non ho smesso di lavorare ai miei progetti nemmeno un giorno, magari dedicandovi solo pochi minuti di riflessione, oppure scrivendo un nuovo testo per alcune ore: ho solo scelto di ridurre l’esposizione personale, per concentrarmi sugli impegni da ghostwriter. In realtà ho ormai pubblicato il quadruplo dei libri nella veste di scrittore fantasma.

La specifica misura del successo
Quand’è che un’attività autoriale può essere definita di successo? Di certo nel momento in cui permette di autosostenersi economicamente, magari con un tenore di vita dignitoso, oppure, come avviene nei casi di chi ha visto fiorire le rose, persino di livello agiato. Finora, la situazione di vendita di libri firmati con il mio nome e le pubblicazioni in chiave ghostwriter non è tale da potersi considerare un trionfo, ma è altrettanto vero che il lato nascosto del Giano bifronte mi offre risultati promettenti.

Il passaparola è insostituibile
Nelle operazioni di marketing editoriale promosse da medie e grandi case editrici, non è raro cogliere l’evidenziazione della tecnica del passaparola: il libro di cui tutti parlano, oppure il romanzo sulla bocca delle tue amiche, sono frasi ricorrenti e testimoniano, spesso, la nascita di un vero best seller. Quando i mezzi economici sono modesti e non è possibile investire discrete somme di denaro in un’opera letteraria, il passaparola determina il successo della pubblicazione e l’affermazione del nome dietro la penna.


Cavalli gioco scacchi © Tutti i diritti riservati.

Instaurare una relazione con il lettore
In assenza di mezzi, e perciò dell’impossibilità di impiegarli a supporto dell’opera in operazioni promozionali e marketing, le relazioni con il potenziale lettore finale rappresentano l’unica scelta praticabile: nella società dell’esserci a tutti i costi, della condivisione globale e virtuale, l’internauta ha il desiderio di farsi ascoltare, di ricostruire online la piazza e il bar resi oggi dei punti di rapido passaggio, soffocati come siamo dal quotidiano.

Il futuro prossimo e le rotte circolari
Scrivo e pubblico qui e altrove. La mancanza di aggiornamenti costanti, ma saltuari, che identifica dal 2019 la veste di questo spazio personale, non significa un’interruzione di rotta. Semmai è un percorso circolare, dove i punti di arrivo sono diversificati e comprendono pubblicazioni a firma omonima – un romanzo in attuale lavorazione – e libri in versione scrittore fantasma, il piano B. Esattamente come Giano bifronte, occorrono almeno due volti per guardare il futuro e il passato, per avanzare su percorsi opposti, talvolta paralleli.

Fammi conoscere le tue opinioni lasciandomi un commento QUI. 

Nessun commento: